sabato 5 maggio 2012

Un nodo da sciogliere

Un articolo uscito oggi su Repubblica ha lanciato una bomba: Gli scout cattolici e l'omosessualità"I capi gay sarebbero un problema". Gli atti di un convegno organizzato da Proposta Educativa, una rivista per capi  dell'AGESCI, la maggiore associazione di scout cattolici italiana, sono stati infatti spacciati dall'articolista come "linee guida" per l'associazione, e le posizioni dei relatori assunte a posizioni ufficiali dell'AGESCI. Ovviamente non e' cosi' (e il quotidiano si e' ben guardato dal rettificare nonostante le segnalazioni),  ma a far scattare la bomba sono la natura dei concetti espressi da alcuni dei relatori, da cui Repubblica abilmente estrae una bella collezione di frasi shock. Soprattutto dall'intervento, in larghissima parte assolutamente deprecabile, di Padre Compagnoni, che, fortunatamente, neppure e' socio dell'AGESCI. Poco importa poi che altri interventi, ad esempio quello della Dott.ssa Tomisich  ("La fatica è proprio quella di aiutare a mettersi in relazione con l’adolescente per aiutarlo a costruire
un proprio progetto individuale in modo che non siano gli altri che “ti costruiscono un vestito
su misura”, ma sei tu che lo costruisci, con un progetto, con libertà e responsabilità
") e quello del dott. Dario Contardo Seghi abbiano tenore piuttosto diverso ("Le tendenze o le spinte sessuali intime dei capi secondo me non sono criteri di selezione. In primo luogo perché non si possono cogliere e secondariamente perché possiamo avere un capo con tendenze omosessuali bravissimo e capace, e uno eterosessuale con limiti tali per cui la comunità capi deve porsi il problema se sia corretto affidargli l’educazione dei ragazzi"). Rimando quindi tutti gli interessati a una lettura completa e approfondita degli atti del convegno, disponibili on line.
Mentre i contenuti dello "scoop" di Repubblica vengono riprese dagli altri principali quotidiani e dalle agenzie di stampa dando origine all'ennesimo caso di "notizia che non lo era", l'AGESCI emana un comunicato stampa in cui chiarisce che "gli scout cattolici si interrogano incessantemente su temi importanti come questo. L’AGESCI non ritiene di avere nessuna risposta preconfezionata ed è impegnata a riflettere su tutti i temi che interpellano il mondo dell’educazione". Ma ormai la frittata e' fatta, e mi pare l'ovvia conseguenza dell'organizzazione di un convegno che doveva essere un confronto sul tema e che invece viene presentato come un monologo quasi un unico punto di vista, anche se le riflessioni piu' articolate e dunque piu' complesse ci sono state. Non mi pare un grande inizio di dibattito sul tema, anche se fortunatamente in Associazione se ne parla eccome, anche all'ultimo Consiglio Generale di pochi giorni fa, e con prese di posizione assai meno nette, per fortuna, di quanto proposto dal convegno. Non se ne parla invece su Proposta Educativa, che ha promesso di pubblicare la lettera di un capo riportata qui di seguito sul proprio sito web, dove pero' a distanza di 2 mesi non e' ancora comparsa...
Penso che l'Associazione abbia bisogno come non mai di essere spronata ad interrogarsi e ad approfondire su questo tema, come su troppi altri sui quali fa fatica ad essere profetica come si confarrebbe alla sua storia e al suo speciale carisma. Magari questo polverone sara' un bello stimolo a farlo, visto che, sebbene con modi non certo articolati e approfonditi come il tema richiederebbe, il tutto e' finito nel pieno della ribalta nazionale In generale sono convinto che uno dei problemi dell'Associazione sia proprio il concentrarsi molto sul "metodo" e troppo poco sull'"antropologia" che dovrebbe sare un senso al metodo stesso. Questo probabilmente per la refrattarieta' dei capi a una riflessione teorica che si discosti anche solo un poco da alcuni temi classici e ben interiorizzati, e alla fatica di essere "voce che grida nel deserto" - anche se forse proprio a questo saremmo chiamati. Ricordo anche a questo proposito che l'AGESCI non e' un associazione cattolica, ma un associazione di cattolici, che fa parecchia differenza.
Ma per fare dar seguito al dibattito e al convegno di Proposta Educativa, segnalo l'intervento di Tommaso e ospito qua la bella lettera di Daniele che non sono ancora riusciti, chissa' come, a pubblicare:

In una rivista dal titolo “be happy, be scout” non ci dovrebbero proprio essere frasi del tipo “il problema diventa rilevante quando il capo con orientamento omosessuale dichiari o mostri con scelte precise il suo orientamento, essendo questo un elemento che può turbare, condizionare, confondere i ragazzi”. Un adulto per essere un buon capo scout deve innanzitutto essere “happy” il che sott’intende la libertà di essere se stessi e di vivere sempre serenamente la propria natura. Pensare che un capo non deve rivelare certe cose di se perché destabilizzanti è uno “zaino troppo pesante” per sentirsi liberi.
Inutile invece commentare il fatto che un capo omosessuale possa turbare, condizionare o ancor peggio confondere i ragazzi. La frase è sicuramente dovuta ad una eccessiva leggerezza editoriale: dopo anni di discriminazioni sociali a tutti i livelli, ormai ben sappiamo che frasi di questo tipo possono nascere solo dall’ignoranza e sono alimentate solo da una buona dose di razzismo che sembra innata in alcuni di noi.
Per essere capi scout occorre inoltre saper scegliere, sapersi schierare e non viaggiare sul filo del finto buonismo, lanciando il sasso e togliendo la mano, come in più punti si fa nell’articolo. “Tale considerazione, ..., vale per qualsiasi scelta che entri nella sfera dell’intimità personale” non rende certo l’articolo più “politicamente”corretto. È vero che ogni Comunita' Capi deve valutare gli elementi opportuni e non opportuni all’ingresso di un capo e questo non ha certo bisogno di specifiche per le persone gay; consultare psicologi, teologi morali e pedagogisti è invece una specifica a dir poco agghiacciante. Chi vive discriminando le persone in base all’orientamento sessuale dovrebbe consultare uno psicologo, non certo per sapere se un gay può far parte della sua Co.Ca., ma piuttosto per trovare un rimedio al suo comportamento. Si fa riferimento a modelli maschili e femminili precisi imbattendosi nella banalità che una donna lesbica non sia un corretto o un completo “modello di donna” (lo stesso per un uomo gay).
Per essere “happy” occorre “amare” e noi, in quanto capi di quest’associazione, pensiamo che amare sia il più grosso dono che Dio ci ha dato. Va vissuto fino in fondo e senza ipocrisie: è un dono che non ha tante barriere e che va condiviso con gli altri. Si amano i fratelli e le sorelle, i genitori e i nonni, qualche amico, una fidanzata/o. Amiamo diverse persone e questo ci rende felici, ci rende positivi e ci forma per essere capi migliori. Non c’è niente da nascondere ma tanto da testimoniare. Avere staff con persone molto diverse, e non solo certo in base all’orientamento sessuale, è una risorsa incredibile per i ragazzi: solo così potranno capire che ognuno di noi è unico e giusto per quello che è!
Molti capi nella nostra associazione se ne dimenticano e preferiscono vedere capi e pensieri “standarizzati". Ci si perde nei “bei discorsi” e poi non si fa molto nei fatti, si vogliono dare giudizi morali e non si guarda la realtà intorno, non si accettano le persone per quello che sono ma ci si ferma a certe etichette. Se ogni rivista è dedicata ad un articolo della legge tra poco toccherà a “sono puri di parole, pensieri ed azioni”: iniziamo a vedere il riflesso di Dio che splende in ognuno di noi senza cadere nel bigottismo, nella diffidenza verso gli altri e senza giudicare. Se uno scout sorride e canta anche nelle difficoltà, se uno scout è ottimista, sono sicuro che questo riflesso sarà accolto da tutti... magari un giorno non troppo lontano. Un scout ottimista deve almeno sperare di non leggere più articoli così superficiali su PE!
Daniele


10 commenti:

astrolust ha detto...

Questa tendenza a voler assolvere l'associazione mi pare fuori luogo, per quanto comprensibile. Le posizioni conservatrici e per quanto mi riguarda reazionarie dei relatori (chi piu` chi meno) stanno in bella posta sotto il logo (ergo il patrocinio) dell'associazione. Ora, che ci siano membri della medesima che non si riconoscono in queste linee guida, e` un fatto del tutto naturale ma francamente non ha nulla a che vedere con il tema. E` un po' come dire che ci son anche leghisti che hanno amici extracomunitari: embe`? Rende questo la Lega un partito meno nazista?

Il fatto che l'agesci poi ritenga di emanare un comunicato stampa in cui dichiara di voler "avviare una riflessione sul tema dell’omosessualità e per farlo ha chiesto il contributo di esperti di varie discipline, le cui opinioni sono quelle riportate negli atti" e che gli scout si interrogano incessantemente dal mio punto di vista e` una doppia conferma del bigottismo delle associazioni cattoliche (e quelle fatte di cattolici, se ci teniamo alla distinzione). Non solo infatti NON RINNEGANO il taglio e il contenuto degli interventi, ma rinnovano la volonta` di occuparsi dell'omosessualita`. Si facessero un po' di cazzi propri, lasciando i paternalismi religiosi alla storia.

beffatotale ha detto...

il punto e' che le posizioni dei relatori sono tutt'altro che rea zionarie, a parte il primo intervento: si conclude che l'identita' di genere non puo' essere un criterio per la selezione dei capi. mi sfugge come que sto possa essere definito reazionario. anche il fatto che si voglia occupare dell'omosessualita' e non fare finta di nulla cone sarebbe molto piu' comodo mi pare tutto fuorche' reazionario...
e' un po' come dire che se tu parli con un razzista allora sei razzista anche tu.

astrolust ha detto...

Mi sa che abbiamo standard diversi per guardare alla societa`. Non ho dubbi che molti si compiaceranno del grande passo avanti di un'associazione DI cattolici, che non considera nell'anno 2012 l'omosessualita` -nota o presunta- un argomento sufficiente ad impedire ad una persona di fare l'educatore/trice. Io trovo semplicemente ridicolo che se ne debbano ancora interrogare, far convegni e compagnia bella.

Anonimo ha detto...

D'accordo con Astrolust. I relatori di quel convegno non erano certo persone che si sono trovate li per caso. Sarà pure vero che non sono linee guida ufficiali ma di fatto cosa impedirebbe in un caso concreto di allontanare un capo o un ragazzo facendo proprio riferimento ad alcune delle affermazioni presenti. Su una cosa sono d'accordo. Io credo che vadano fatti i complimenti all'Agesci per aver riconosciuto la necessità di trattare questo tema. Bene trattare il tema, male i relatori. Non si può pensare di arrivare a delle conclusioni sensate su un tema così importante in 10 persone chiuse in una stanza per una giornata.

beffatotale ha detto...

allora, primo nessuno pensava di arrivare a delle conclusioni con quel convegno. questo e' anche esplicito nell' introduzione degli atti. secondo, la visione non era monotematica come presentata sui giornali, mi sembra invece ragionevole ascoltare tutte le campane compreso un teologo motale conservatore, anche se poi non bisogn certo uniformarsi alla sua visione per forza. quanto ad allontanare, le conclusioni del convegno sono proprio che l'orientmnto sessuale NON puo' essere un criterio di slezione per. capi.... quindi questo peicolo non esiste proprio.

Unknown ha detto...

Mi sembra che a qualcuno sfugga il motivo per il quale occorre affrontare questo tema (soprattutto, ma non solo, in ambito educativo) perché si rifugia nella affermazione ideologica che omo o etero è la stessa cosa. Basta guardare la realtà per capire che siamo tutti nati da una relazione eterosessuale. Basta guardare la realtà per capire che la sessualità esiste soprattutto per la riproduzione. L'omosessualità quindi qualche problema lo pone, oggettivamente! Tali problemi possono essere benissimo tramutati in opportunità positive ma bisogna, appunto, approfondire e lavorarci sopra.

Nicola ha detto...

Perché mi mette Unknown? Io il nome l'avevo messo: Nicola

astrolust ha detto...

Caro Nicola, "oggettivamente qualche problema lo pone" un par di palle. Per te e per quelli come te forse (e legittimamente) lo pone. <> invece non esiste nessuna ragione per anche porre il problema, come non esiste <> niente che dimostri che l'adozione a coppie omosessuali causi alcunche` (a parte una maggiore apertura mentale forse). Quindi, continua pure a dire la tua nelle vostre associazioni, ma non spacciare la vostra visione del mondo come dati di fatto., perche` e` e rimane un'opinione suffragata dal conservatorismo piu` che dai fatti. Cordialmente

astrolust ha detto...

(sorry, tra < > ci stava la parola 'oggettivamente' )

Walter ha detto...

ragazzi... leggetevi gli atti e soprattutto i commenti dei partecipanti ai lavori di gruppo svolti dopo l'intervento dei relatori

http://www.agesci.org/downloads/atti_seminario.pdf

vi do una clamorosa notizia:

non c'è proprio nulla di omofobo!

C'è solo un'associazione che si interroga su come fare al meglio la propria missione educativa e su come superare il gap culturale che ancora oggi tende a escludere omosessuali dal ruolo di esempio per i ragazzi. E' un documento che analizzando l'attuale situazione vuole superare le posizioni omofobe e trattare il tema dell'orientamento sessuale con la dignità che merita.

Ma c'è sempre qualche pesciolino piccolo piccolo che abbocca al primo amo che capita, purchè serva per dare contro a chi la pensa diversamente... abboccate, abboccate.

Walter