giovedì 16 luglio 2009

La grotta di Ali' Baba'


Tvemonti annuncia che vuole svuotare la grotta di Ali' Baba' dei paradisi fiscali in conferenza stampa. Lodevole iniziativa: ti aspetti che il governo reintroduca le strategie di Visco per tracciare i flussi di denaro e che ripensi la sua strategia in merito alla lotta all'evasione e al riciclaggio. Invece Tvemonti si riferisce solo all'ennesima inaccettabile sanatoria in discussione alle Camere. E anche stavolta lo scudo fiscale per i capitali illegalmente esportati in discussione e' davvero notevole: vengono perdonati reati come falso in bilancio e bancarotta fraudolenta, e l'obolo richiesto a chi ripulisce il suo denaro è davvero risibile, con aliquota che variano dall'1 al 5%. In pratica un bel premio a trafficanti di armi, droga e organi, grandi evasori e altri delinquenti assortirti. Evidentemente il buon ministro vuole svuotare la caverna di Ali' Baba' per convincerlo a spostare i suoi capitali truffaldini in un paradiso fiscale molto migliore, in cui pochi poveri e fessi pagano i servizi dei ricchi che si godono i loro malloppi esentasse. Dove l'harem lo fornisce il Presidente. E chi se ne importa se il debito pubblico sale, l'occupazione cala: tanto anche il debito sara' solo di chi le tasse le paga!
E infatti mentre nei paesi seri i bancarottieri e i truffatori si beccano 150 anni di carcere e 170mila dollari di risarcimenti da pagare, a casa nostra se rubi un pacco di pannolini al supermercato ti puoi beccare tre anni, ma per allegra gestione contabile o vieni perdonato dallo scudo del giorno o mal che vada ti accorciano la prescrizione per sfuggire i risarcimenti agli ignari risparmiatori. Alla faccia della bilancia della giustizia. E chi lo fa notare e' una testa di cazzo:

1 commento:

Duccio Mercati ha detto...

Leggi qui: http://www.soprarnosgr.it/index.php?id=86,159,0,0,1,0?ilpuntoimg
E' un po complicato ma è essenziale per capire la situazione in cui è l'Italia e quella in cui ci troveremo. :-(