giovedì 22 novembre 2007

Beata ignoranza


Leggo su tutti i giornali dell'ira dei giornalisti RAI, che evidentemente scoprono solo adesso dell'inciucio tra RAI e Mediaset. Evidente a chiunque avesse soltanto osato guardare un Tiggi' o, per i piu' coraggiosi, Porta a Porta e simili. Chi faceva i servizi? Chi eseguiva le direttive dei vertici intercettati? Perche' oggi tutti si indignano, e ieri tutti tacevano? Non sanno forse che l'obbedienza ormai non e' piu' una virtu'? Beata ignoranza.
In compenso la Fenice e' impagabile. Dopo aver utilizzato per i suoi fini la televisione pubblica e il Parlamento, dopo aver piegato anche la morte del Papa per i suoi scopi, adesso grida allo sciacallaggio, proprio lui che approfittando del suo ruolo istituzionale fece allontanare dalla RAI chi non gli era gradito. "Sono andati fuori di testa, siamo ai limiti della comica. Queste telefonate sono la normalità per chi fa televisione". Se lo dice lui che di comiche e' un esperto. E prosegue: "Quando si parla al telefono si entra come in una dimensione onirica. Si dicono cose che poi nella realtà sono molto diverse". Certo, sono molto peggio. Di solito esce solo la punta dell'iceberg. Quando distribuivano il pudore, la Fenice era al bagno.

2 commenti:

BC. Bruno Carioli ha detto...

E se fosse stata a Sofia ? :-)

Nicola Andrucci ha detto...

Eppure Berlusconi ha sempre sostenuto che la RAI fosse in mano alla sinistra. Quell'uomo mente sempre, con quel suo sorriso a 68 denti!

Dovrebbero proporlo per la pubblicita alla MENTA-DENT.
(pubbl.): "SCUSI PRESIDENTE, MENTA!". (lui): "SONO UNA PERSONA ONESTA".
(pubbl.):"ECCO, ORA SORRIDA! :-)

www.lineagoticafight.blogspot.com